medaglia d'oro al valore civile

Zosimo Marinelli

Zosimo Marinelli nacque il 23 aprile 1894 a Montombraro, frazione di Zocca, in provincia di Modena, in una famiglia di solida religiosità. Ultimo di sette figli di Franco ed Elisabetta Chiappelli, agricoltori del luogo, dopo gli studi si iscrisse all’Università di Bologna, che fu costretto a interrompere con l’entrata dell’Italia nella I Guerra mondiale. Come ufficiale di complemento, fu impegnato nel Comando supremo militare italiano. Al termine del conflitto, poté riprendere gli studi, laureandosi a pieni voti in ingegneria mineraria e civile nel 1920.

Gino Bartali

Gino Bartali nacque a Ponte a Ema, piccolo centro alle porte di Firenze, il 18 luglio del 1914 da Torello e Giulia Sizzi, terzogenito di una famiglia che si sarebbe allargata a un quarto figlio. Il padre, sterratore e scalpellino, era di ideali socialisti e gli trasmise i valori della solidarietà e dell’onestà; la madre, domestica, gli impartì un’educazione cattolica. A dieci anni divenne socio dell’Azione cattolica, la cui militanza avrebbe sempre orgogliosamente manifestato.

Edoardo Marzari

Nato a Capodistria, allora parte dell’impero austro-ungarico, il 28 ottobre 1905, Edoardo Marzari fu il primo dei cinque figli di Italo, orefice, e Luigia Dudine, crescendo in una famiglia di sentimenti italiani della media borghesia cittadina. Nella città natale frequentò le scuole elementari e il ginnasio-liceo. Dopo la fine della guerra, che portò all’annessione dell’Istria all’Italia, M.

Odoardo Focherini

Nato nel 1907 a Carpi, dove il padre Tobia e la madre Maria Bertacchini si erano trasferiti dal Trentino per aprire una ferramenta, nel 1924 fu designato segretario della Federazione della Gioventù cattolica della diocesi di Carpi.