Toja Sergio

Immagine: Isacem, Fondo Giac
Immagine: Isacem, Fondo Giac
Nome: Sergio
Cognome: Toja
Luogo di nascita: Luserna San Giovanni
Provincia/stato: Torino
Data di nascita: 07/11/1923
Luogo di morte: Bibiana
Provincia/Stato morte: Torino
Data di morte: 24/01/1944
Ramo di Azione cattolica:

Sommario

Note biografiche

Sergio Toja nacque a Luserna San Giovanni, in provincia di Torino, il 7 novembre del 1923, figlio di un ufficiale decorato al valore nella I Guerra mondiale. Nella sua città natale frequentò gli studi elementari e medi e, nei suoi anni giovanili, prese parte alle attività del circolo Giac San Martino della parrocchia della vicina Torre Pellice. Visto il suo costante impegno e la sua dedizione verso l’associazione, ben presto venne nominato delegato aspiranti e gli venne affidato il piccolo gruppo di ragazzi che si avvicinavano all’Ac. Dopo aver frequentato prima il ginnasio e poi il liceo classico di Torre Pellice, conseguì la maturità ed espresse il desiderio di continuare gli studi iscrivendosi all’università. Questo progetto, tuttavia, fu travolto dal susseguirsi degli eventi che condussero alla caduta del regime fascista e all’8 settembre 1943.

Alla firma dell’armistizio di Cassibile che decretava la cessazione delle ostilità con le forze angloamericane, le truppe tedesche sfruttarono l’ambiguità del proclama di Badoglio e l’indecisione dei comandi militari italiani per occupare l’intera regione e disarmare le guarnigioni ancora presenti sul territorio. Nel delinearsi di questa nuova situazione, T. decise di non indugiare e si avvicinò al movimento resistenziale che andava organizzandosi nella zona.

Salito in montagna, divenne partigiano nella 5ª Divisione alpina Giustizia e libertà che operava nei pressi di Pinerolo e tra le valli Pellice, Germanasca e Angrogna. Dopo aver partecipato a diverse operazioni e distintosi a più riprese per il suo valore in combattimento, venne nominato comandante di distaccamento col grado equiparato a tenente.

Quando seppe, nel corso dei primi giorni del gennaio del 1944, che alcuni compagni della formazione erano stati catturati da un reparto di soldati tedeschi e posti in stato di arresto per essere interrogati e torturati, si offrì volontario per coordinare una missione di salvataggio e provare a trarli in salvo. Il 24 dello stesso mese, postosi alla testa di un gruppo di ardimentosi, T. organizzò un appostamento lungo la stazione ferroviaria di Bibiana e cercò di intercettare il convoglio che avrebbe trasferito i prigionieri da Torre Pellice alla caserma della Gnr di Pinerolo, designata come nuovo luogo di detenzione.

L’operazione sembrò riuscire e, dopo aver arrestato il treno senza particolari problemi, la confusione generata dalla imprevista sosta permise ai partigiani di fuggire senza essere visti. Nonostante questo, la reazione della scorta di militi nazifascisti fu veemente e, scoperta l’azione della squadra partigiana, ingaggiò un violentissimo scontro a fuoco. Dopo un breve tentativo di resistenza, essa dovette desistere e si ritirò per rompere l’offensiva nemica, riparando nei monti circostanti. In questa azione, però, T. venne colpito da una raffica di mitra che lo colse mentre cercava di coprire i suoi compagni e lo lasciò a terra senza vita.

Alla sua morte, in onore dell’estremo sacrificio che permise ai compagni di trovare la salvezza, la 5ª Divisione Giustizia e libertà decise di assumere il suo nome divenendo la Divisione alpina «Sergio Toja». Alla memoria del giovane venne decretata la medaglia d’oro al valor militare con la qualifica di partigiano combattente con la seguente motivazione: «L’8 settembre 1943 decisamente affrontò la lotta contro i nazi-fascisti. Semplice gregario prima e comandante poi, fu tra gli uomini di punta nel combattimento e nel sacrificio. Apostolo di fede fra i compagni, assurse a simbolo della guerra partigiana. Con un gesto di estrema audacia arrestava da solo, con falsa segnalazione, un treno sul quale erano portati al carcere quattro dei suoi uomini caduti in mano al nemico. Nella lotta cadeva mortalmente ferito, ridando ai compagni col suo supremo olocausto la libertà. — Torino, 24 gennaio 1944».

Onorificenze

L’8 settembre 1943 decisamente affrontò la lotta contro i nazi-fascisti. Semplice gregario prima e comandante poi, fu tra gli uomini di punta nel combattimento e nel sacrificio. Apostolo di fede fra i compagni, assurse a simbolo della guerra partigiana. Con un gesto di estrema audacia arrestava da solo, con falsa segnalazione, un treno sul quale erano portati al carcere quattro dei suoi uomini caduti in mano al nemico. Nella lotta cadeva mortalmente ferito, ridando ai compagni col suo supremo olocausto la libertà. Torino, 24 gennaio 1944.

Fonti e bibliografia

  • Isacem, Righini, b. 26, fasc. 4.

Hanno fatto parte di Gioventù italiana di Azione cattolica anche:

ISACEM – Istituto per la storia dell’Azione cattolica e del movimento cattolico in Italia Paolo VI
Via Aurelia, 481 – 00165 Roma. Tel. 06.66 27 925 – 06.66 132 443 – info@isacem.it

Metodi di Ricerca

Tramite l’interfaccia interattiva è possibile ricercare, filtrare e selezionare i singoli resistenti all’interno della nostra banca dati. 

In ogni riga della tabella si trovano elementi evidenziati di colore rosso. Cliccando su questi sarà selezionato automaticamente il filtro corrispondente. 

Per cominciare una nuova ricerca nei diversi campi della banca dati, utilizza il tasto Resetta.

Alcune informazioni non entrano nella visuale principale della tabella: per questo sulla sinistra dell’immagine del resistente si trova il simbolo “+”, che permette di accedere a dati aggiuntivi.